L’anacoluto (o tema sospeso) è la figura retorica in cui non è rispettata volutamente la coesione tra le varie parti della frase. È quindi una rottura della regolarità sintattica della frase. È un effetto della mimesi del parlato. Diffuso anche nel linguaggio comune, nell’anacoluto il costrutto sintattico è privo di coerenza e di accordo logico-grammaticale tra gli elementi dello stesso periodo.

Alcuni esempi:

  • Quelli che moiono, bisogna pregare Iddio per loro (Alessandro Manzoni)
  • Qui habet, dabitur illi (traduzione: “chi ha, a lui sarà dato”) (Vangelo secondo Matteo)
  • mi pasco di quel cibo, che solum è mio, et che io nacqui per lui (Niccolò Machiavelli)
  • I soldati, è il loro mestiere di prendere le fortezze (A. Manzoni)
  • Il coraggio chi non ce l’ha non se lo può dare (A. Manzoni)
  • Lei sa che noialtre monache, ci piace di sentir le storie per minuto (A. Manzoni)
  • Noi qui dentro si vive in un lungo letargo, si vive afferrandosi a qualunque sguardo (R. Vecchioni)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>